in Kenya a Mukuru

MukuruAlla periferia di Nairobi, capitale del Kenia, nella baraccopoli di Mukuru abitata da oltre 100.000 persone, le missionarie dell’ordine delle “Piccole figlie di S.Giuseppe” hanno fondato una missione che, avendo lo scopo di incontrare i bisogni dei più poveri fra i poveri; si pone come obbiettivi:
– la pastorale a favore di bambini e giovani: formazione cristiana, catechesi, animazione liturgica.
– la gestione di due dispensari medici al servizio di tutti gli abitanti della baraccopoli
– la presa in carico di bambini malnutriti, orfani e ragazzi di strada
– la presa in carico di persone HIV positivi o malati di AIDS
– il coinvolgimento sociale mediante progetti di sviluppo e promozione delle donne attraverso training di formazione
– la conduzione di scuole primarie sia proprie sia in collaborazione con le scuole governative
– la conduzione di un centro diurno per la riabilitazione di bambini e adulti con disabilità.
Nel Maggio 2014 al dispensario già esistente si era affiancato il secondo; questo era compreso in un edificio destinato ad ospitare, oltre al dispensario, anche le scuole primaria e scondaria. Mentre il dispensario era già operativo con l’ambulatorio medico, un angolo farmacia, e un’area per il “parto sicuro”, la rimanenza dell’edificio destinato all’area scolastica era ancora in costruzione.
Relativamente al centro di riabilitazione, è noto che in Africa il problema della disabilità soffre di una tragica carenza di attenzione; in molte realtà la persona disabile, costituendo una grave ostacolo economico, viene nascosta e lasciata vivere in condizioni subumane. Bisogna peraltro riscontrare come, negli ultimi decenni, sia nata una nuova sensibilità rispetto a questo problema e siano sorte organizzazioni di volontariato che si occupano delle persone disabili e delle loro famiglie. La missione di Mukuru, in questo contesto, ha organizzato un semplice centro diurno di riabilitazione per i casi più gravi, centro che prevede anche un servizio mensa per il pranzo.
Nell’estate 2015 la responsabile della missione ha chiesto al “Cerchio della Vita” il sostegno economico per il completamento dell’area scolastica del centro missionario. Essendo la previsione di spesa ben oltre le possibilità dell’associazione non è stato possibile accogliere la richiesta, è stata comunque concordata l’erogazione, effettuata nel 2016, di un contributo da destinare all’approvvigionamento di cibo e materiale igienico-sanitario per gli ospiti del Centro di riabilitazione della Missione. Nei primi mesi del 2017, sempre su richiesta della responsabile Sr. Theresa, è stato erogato un secondo contributo con la medesima destinazione. Anche quest’anno (il 2019), su richiesta di aiuto della nuova responsabile del centro Suor Lucy Muchwe, sempre delle Piccole Figlie di S:Giuseppe, l’associazione ha destinato un ulteriore contributo per le spese di sostegno alle attività del centro.

In totale sono stati erogati Seimila euro.